Dossier Pedagogico

Dossier Pedagogico : La Rana e il Bue
Il file pedagogico accompagna l'ebook. È destinato a insegnanti, formatori, operatori culturali e logopedisti. Ha lo scopo di facilitare la progettazione di laboratori per scoprire il libro digitale La rana e il Bue.

Tavola dei contenuti

Introduzione

Jean de La Fontaine è un autore importante della letteratura francese ed è considerato uno dei più grandi poeti. Molte delle sue favole sono estremamente conosciute nel mondo francofono.

Più in generale, è una figura di rilievo del patrimonio europeo. Difensore degli Antichi nella controversia tra gli Antichi e i Moderni, La Fontaine si ispirò a diverse fonti, tra cui i poeti greci e latini. L’incredibile rinnovamento che apportò al genere della favola, che divenne un genere letterario a sé stante, il suo lucido interesse per la natura umana e la libertà del suo tono gli hanno assicurato una posterità mai smentita.

I suoi successori si trovano in Francia, ma anche in Europa.

Le Favole di La Fontaine, brevi e relativamente semplici nella loro scrittura come richiede il genere, ma poetiche, critiche e ironiche, sono testi particolarmente interessanti da presentare a un pubblico adulto che sta iniziando a leggere.

“La Rana e il Bue” ne è un perfetto esempio. Il tema che affronta è universale e trascende i confini temporali e territoriali. Da moralista, non da moralizzatore, La Fontaine offre spunti di riflessione sulla natura umana senza dare lezioni. L’adattamento di questa favola è rivolto alle lettrici e ai lettori di tutti i ceti sociali.

L’autore : Jean de La Fontaine

Jean de La Fontaine è un illustre poeta francese (Château-Thierry 1621 – Parigi 1695). La sua famiglia fa parte della buona borghesia di provincia.

Decide di dedicarsi alla scrittura relativamente tardi. Inizia prendendo il posto di suo padre come Maestro delle Acque e delle Foreste a Château-Thierry.

Il suo primo testo “L’Eunuco” (1654) passa totalmente inosservato.

Senza fortuna, scriverà e vivrà, come molte figure letterarie, sotto la protezione di un grande personaggio, (Fouquet, Mme de La Sablière…).

A causa della sua fedeltà a Fouquet, il quale fu arrestato dal re, La Fontaine viene escluso dagli onori e la sua opera si sviluppa ai margini dell’organizzazione ufficiale del mondo letterario.  

Nel 1664-1665, i suoi “Racconti”, lo rendono famoso, ma è nel 1668 che conosce la gloria con la prima raccolta delle sue “Favole”.

Durante i suoi anni di successo, La Fontaine alterna soggetti molto profani nei suoi racconti libertini e soggetti sacri nei suoi racconti delle vite dei santi.

Nel 1674, la sua raccolta, i “Nuovi racconti” sono proibiti dalla censura, tuttavia la pubblicazione della seconda raccolta delle “Favole” (1678-1679) è un nuovo successo.

Nel 1684, La Fontaine viene finalmente eletto all’Académie française.

Nel 1693, pubblica il libro XII delle “Favole”.

Al termine della sua vita, malato, La Fontaine, rinuncia alla sua vita epicurea ai suoi scritti anticlericali.

L’opera: La Rana e il Bue  

Il genere

La favola in versi o in prosa, è un racconto breve finalizzato ad insegnare una lezione di vita in modo piacevole. Si tratta generalmente di una storia fittizia di composizione ingenua e allegorica che presenta animali parlanti, esseri umani o altre entità dall’aspetto animale ma personificate.

La sua origine si trova prima di tutto nella tradizione orale. Si ritiene generalmente che sia diventata genere letterario con il poeta greco Esopo (620 – 524 a.C.). La Fontaine rinnovò il genere con il suo stile e la sua libertà di ispirazione.

La dimensione europea dell’opera (ispirazione, corrente letteraria, posterità)

Le fonti d’ispirazione per le sue favole sono molteplici: testi antichi di valore morale, racconti e favole della tradizione indiana, testi francesi del Rinascimento.

La Fontaine imita questo genere molto antico e tradizionale in una maniera del tutto personale: come un moralista ironico e lucido, come un narratore che trascende l’apologo classico per il suo fascino e originalità.

L’innovazione e la grande originalità apportate al genere hanno lasciato il segno in Francia e all’estero. Le «Favole» sono illustrate, trasposte e adattate alla musica.

«La Rana e il Bue» è ispirata da Esopo, da Orazio e da Fedro. Riprende lo stesso tema con gli stessi protagonisti e segue lo schema classico della favola. La Fontaine racconta un aneddoto composto da una situazione iniziale, una serie di peripezie e una conclusione. Eppure, La Fontaine la innova e la modernizza introducendo la versificazione, il discorso diretto e sviluppando la morale. Egli critica la vanità e l’orgoglio umano, aggiungendo un parallelo con la società in cui vive. La favola è in effetti animata dal tempo presente della narrazione e ritmata dallo scambio tra le due rane e dall’alternanza tra ottonari, versi brevi e alessandrini, versi lunghi. La favola istruisce attraverso la sua morale. Mentre intrattiene grazie alla piacevole storia che finisce in modo comico e inaspettato con lo scoppio della rana.

Le principali domande/problemi dell’epoca affrontati

In un contesto di censura reale rafforzata, La Fontaine esprime nelle sue Favole sia il fascino di una società pastorale idealizzata che la critica della società. Dipinge la vita di corte e tratta l’ascesa dei poteri dello Stato e del denaro. Vi si può leggere anche una discreta ma ferma opposizione alla politica delle conquiste e della gloria militare.

Le Favole trattano anche il tema della natura umana e propongono un’arte di vivere. L’uomo nel suo travestimento morale è dotato di una natura contro la quale non può fare nulla. La saggezza consiste nel trarne il meglio.

«La rana e il bue», favola presentata nell’e-book, fa parte di una prima raccolta delle Favole. È un apologo contro la vanità umana, una satira della borghesia e dei nobili che vogliono sempre più di quello che hanno già, ma questa morale può essere generalizzata a tutti: “Il mondo è pieno di gente che non è più saggia” scrive La Fontaine.

L’e-book: La Rana e il Bue  

La galleria dei personaggi

  • La Rana
  • Una seconda rana, testimone della sua trasformazione che lei chiama “sorella”
  • Il Bue che non vede cosa sta succedendo

I luoghi

La favola si svolge in un luogo unico che non viene nominato o descritto. È senza alcun dubbio nella natura, in un luogo dove rane e buoi vivono fianco a fianco.

L’iconografia nell’e-book

La favola in generale con le sue azioni semplici e i suoi personaggi molto tipici si presta bene all’illustrazione. Non appena apparve la stampa, le collezioni di favole furono accompagnate da illustrazioni.

Dalla loro pubblicazione, le Favole di La Fontaine sono state ampiamente illustrate: François Chauveau, Jean-Baptiste Oudry, Charles Monnet, Tony Johannot, Jean-Jacques Grandville, Gustave Doré, Benjamin Rabier, Marc Chagall, Marguerite Calvet-Rogniat.

In questo e-book, troviamo l’illustrazione fatta da Grandville e Gustave Doré.

Troviamo anche altre opere di Grandville che illustrano la raccolta di articoli, di storie e racconti satirici «Scene della vita privata e pubblica degli animali» pubblicate in libri illustrati dal 1841 al 1842. Questi testi e le loro illustrazioni hanno in comune con le “Favole” la personificazione degli animali e la critica della società.

Le altre opere iconografiche sono di varie origini:

  • Le rane sono tratte da una tela di Jemina Blackburn, risalente al 1838, e da uno studio delle rane di Jacob de Gheyn (1565-1625).
  • Le tele che rappresentano i buoi sono di Jacques Raymond Brascassat (1804-1867).

Il design del workshop

FASE 1: ENTRANDO NELL’EBOOK: MONDO, ATMOSFERA E IPOTESI

Attività: Il grande spettacolo degli animali

Attività di entrata nel mondo dell’e-book

Materiale
  • Foto di animali
  • Foto/immagini di paesaggi naturali e elementi atmosferici
  • Immagine di un simbolo di carattere positivo e l’immagine di un simbolo di carattere negativo
  • Etichette di parole di tratti del carattere (per la variante)
  • Scotch, pasta riposizionabile o puntine da disegno
Modalità

Prima della sessione:

  • Selezionare delle registrazioni della natura che includono i suoni e i richiami degli animali. Scegliere degli estratti dai quali è possibile fare delle ipotesi sugli animali e sui suoni della natura ascoltati.  Esempio: le registrazioni Bernie Krauze: Great animal Orchestra, Amazone Nights … 
  • Scoprire le favole, le leggende o i racconti fondatori dei paesi d’origine del/della/dei/delle partecipante/i e gli animali tradizionalmente personificati e i tratti del carattere loro attribuiti.
  • Preparare delle etichette di parole dei tratti del carattere – qualità e difetti – più spesso associati a questi animali. Non bisogna prepararne troppi, regolarsi secondo il livello del gruppo e il numero di nazionalità.
  • Selezionare foto di animali: la rana e il bue, ma anche di animali ascoltati nella registrazione, di animali esistenti nel paese ospitante, di animali conosciuti dai partecipanti e personificati nelle favole, nei racconti, nei miti e nelle leggende del loro Paese. Preparare tanti giochi quanti sono i sottogruppi.
  • Preparare foto/immagini di paesaggi naturali (montagna, mare, fiume, stagno, campo…) e di elementi atmosferici (il vento, la pioggia, il sole, la tempesta…). Preparare tanti giochi quanti sono i sottogruppi.
  • Scegliere un simbolo per rappresentare il positivo e un simbolo per rappresentare il negativo (un grande + / un grande -, un pollice su / un pollice giù …). Preparare tanti giochi quanti sono i sottogruppi.

Nel workshop:

  • Dividere il gruppo in sottogruppi, poi chiedere ai partecipanti a chiudere gli occhi e mettersi in posizione d’ascolto. Dire loro che in seguito discuteranno ciò che hanno sentito. Riprodurre le registrazioni della natura. Nel frattempo, distribuire i set di foto di animali, di paesaggi naturali e paesaggi atmosferici.
  • Chiedere ai partecipanti di discutere ciò che hanno sentito in sottogruppi. A seconda del loro livello di conversazione, mostreranno le foto e le immagini e/o parleranno.
  • Invita i diversi gruppi a condividere le loro idee. Questa è un’occasione per controllare che il vocabolario sia usato e che i partecipanti cerchino di esprimersi in frasi (molto semplici o complesse a seconda del livello di conversazione).
  • Spiegare in seguito che tutti si concentreranno sugli animali. Chiedere se nei loro paesi d’origine e se nelle loro storie tradizionali (favole, racconti, leggende), questi animali hanno un’immagine positiva o negativa. Per facilitare la comprensione, fornire esempi dal paese ospitante, mimare, illustrare e dare un’immagine di un simbolo positivo o negativo.
  • Incoraggiare le persone con scarse capacità comunicative a usare frasi molto semplici e i partecipanti che sono più avanzati oralmente a spiegare e giustificare ciò che dicono con aneddoti o tratti del carattere.
  • Invitare i sottogruppi a confrontare le rappresentazioni secondo i paesi. Prova a vedere come vengono percepiti la rana e il bue, senza mostrarlo. A seconda delle loro competenze linguistiche, ogni partecipante può sviluppare la propria spiegazione come può/vuole e sarà aiutato se necessario dall’insegnante/animatore.
  • Chiedere quali storie dei loro paesi d’origine includono questi animali.
  • Appendere le classifiche al muro/spazio della stanza dedicata alla scoperta di questo e-book.
Variante

Per un gruppo con competenze orali avanzate (a partire dall’A2), andare oltre chiedendo ai partecipanti di associare le qualità e/o i difetti (sotto forma di aggettivi) agli animali. Se il gruppo comprende i giovani lettori, fagli cercare i tratti del personaggio tra le etichette delle parole. Poi chiedete loro di presentare i loro scambi di gruppo usando: “In un paese si dice: aggettivo come un + animale”, per esempio: “In Francia si dice: furbo come una volpe”: 

FASE 2: IL TUFFO NELL’E-BOOK

Attività 1: Giochiamo! 

Attività di preparazione alla comprensione globale

Materiale
  • Carte di “animali”
  • Fogli bianchi
  • Matite e penne
  • Una clessidra o un cronometro, o la funzione di un cronometro su un telefono
  • Scotch o pasta riposizionabile
Modalità

Prima della sessione:

  • Preparare indovinelli adatti al livello del gruppo e riprendendo gli elementi dati durante l’attività precedente.
  • Preparare le carte per il gioco: mettere sullo stesso lato una foto di un animale e il suo nome scritto in un carattere e dimensione adatti. Aggiungere agli animali dell’attività precedente, altri animali (da scegliere in funzione dei partecipanti).

Nel workshop:

Questa prima attività è proposta prima della lettura. 

  • Proporre indovinelli orali sugli animali nominati nell’attività precedente e quindi relativamente ben identificati. Il livello di difficoltà dipende dal livello delle abilità orali dei partecipanti. Per esempio, per le persone con scarse capacità di comunicazione, suggerire indovinelli molto semplici che includano elementi fisici e cose dette nell’attività precedente. Includere la rana e il bue.
  • Proporre ai partecipanti che lo desiderano di provare a turno a fare degli indovinelli. Ricordare loro i giri di parole che possono essere usati, prima di ricominciare il gioco.
  • Proporre un secondo turno di giochi di mimo. Formare delle squadre; chiedere ad ogni squadra di trovare un nome o un grido o un gesto. Presentare le carte degli animali da estrarre. Spiegare le regole: usare il mimo per indovinare quanti più animali possibili in un tempo limitato. Impostare un limite di tempo (da 45s a 1m30 per farli indovinare) e l’assegnazione dei punti secondo il gruppo.
  • Proporre un turno finale di giochi basati sul disegno. Spiegare le regole: far indovinare ai giocatori quanti più animali possibili in un tempo limitato, disegnando. Queste sono le stesse carte da gioco.
  • Al termine di questi due turni, contare i punti e proclamare la squadra vincitrice.
  • Proporre di appendere i disegni al muro/allo spazio della stanza dedicata a questo e-book.

Osservazioni: fare foto del gioco e delle prestazioni dei partecipanti. Queste possono essere aggiunti al muro/spazio nella stanza dedicata a questo e-book.

Attività 2: All’inizio, era…

Attività di comprensione globale 

Materiale
  • Fogli A3
  • Pennarelli, penne di colori diversi
  • Immagine stampata della rana (slide 6)
  • Immagine stampata del bue (slide 9)
Modalità

Nel workshop:

Questa seconda attività si svolge dopo una prima lettura individuale parziale. Per il primo livello di lettura, si tratta infatti di una lettura di immagini e di possibili elementi chiave. La chiameremo comunque di lettura. 

Spiegare che non si tratta di leggere tutto, né di capire tutto alla prima lettura, ma di scoprire l’inizio dell’e-book mentre si conduce una prima indagine.

  • Chiedere ai partecipanti di leggere fino alla slide numero 13. Se possibile, proietta la diapositiva per mostrargliela. Dare loro gli elementi chiave da cercare: dov’è? Chi sono i personaggi? Come sono? Cosa sta succedendo?
  • Chiedi a tutti di leggere l’inizio della storia e poi di pensarci individualmente, prima di condividere i risultati della loro indagine in un piccolo gruppo.  Nota: Tenere a mente che i gruppi che leggono i livelli 1 e 2 non hanno tutto il vocabolario. Hanno bisogno di fare più supposizioni rispetto ai gruppi che hanno accesso al livello 3 che, d’altra parte, possono avere bisogno di più spiegazioni a parole. Tuttavia, assicurarsi di non dare loro tutte le spiegazioni, in modo che abbiano il tempo di capire. 
  • Dopo il confronto dei pensieri, iniziare una nuova lettura (accompagnata da una o due ascolti per i livelli di lettura 1 e 2) per trovare le parole usate per parlare del bue e della rana.

Concentrarsi sul confronto tra i due e chiedere cosa vuole la rana: essere grande come il bue.

Condurre i partecipanti a comprendere gli elementi più difficili: “Gelosa”, “Invidiosa” e “Sciocca”.

Proporre di cercare dei sinonimi. Guidare in particolare all’associazione tra “Sciocca-stupida”, per facilitare la comprensione della slide numero 28 (“Stupidità! Follia, sì!”)

Durante lo scambio, annotare sotto forma di schema gli elementi della descrizione corrispondente a ogni protagonista, poi illustrare quello che vuole la rana (ad esempio con una freccia che va dalla rana al bue).

Attività 3: Avventure

Attività di comprensione

Materiale
  • Fogli A3
  • Pennarelli, penne di colori diversi
  • Le classifiche +/- degli animali, eseguite durante l’attività della fase 1
Modalità

Nel workshop:

  • Prima di continuare la lettura, proporre ai sottogruppi di partecipanti d’immaginare cosa accadrà dopo. Spiegare che possono usare il disegno.
  • Proporre un confronto di idee e disegni. Incoraggiare i partecipanti a dare la loro opinione sulle diverse idee. Dare loro formule e vocabolario: “è impossibile”, “è divertente”, “è triste”, “è strano”, “è bello” …
  • Iniziare a leggere: chiedere ai partecipanti di leggere il resto fino alla slide numero 26. Questa lettura è proposta, inizialmente, senza l’audio per i livelli di lettura 1 e 2. 
  • Permettere ai partecipanti di parlare liberamente per sentire le loro reazioni. Se i partecipanti hanno difficoltà a condividere, chiedere loro cosa è successo.
  • Iniziare una seconda lettura (accompagnata da uno o due ascolti per i livelli di lettura 1 e 2), per verificare come la rana sia esplosa e a chi si rivolge.
  • Alla fine del confronto, rivedere il luogo e i personaggi: la rana non è necessariamente accanto al bue. È tra i suoi simili. Vede poco più avanti un bue e decisa a diventare grande come lui, comincia a gonfiarsi. C’è un’altra rana come testimone.
  • Per ravvivare la lettura, proporre ai partecipanti di leggere – o di ripetere per i non lettori o piccoli lettori – il dialogo tra le due rane. Dare indicazioni sul tono, il modo e incoraggiare il gruppo a darne. Guida i partecipanti al gioco. Suggerisci loro eventualmente di recitare la scena tra le due rane. Riflettere in gruppo su come interpretare la rana che si gonfia gradualmente e poi scoppia.
  • Infine, ripercorrere la storia fino a questo evento. Per i 3 livelli di lettura, fare leggere e riascoltare dall’inizio. Discutere i nuovi aggettivi dati alla rana: “fiduciosa”, “sicura di sé” e “pretenziosa”.
  • Far notare che non si dice nulla del bue. Chiedere ai partecipanti la loro opinione sui due animali. Se dicono che la rana è pazza, far notare che questo renderà più facile capire la diapositiva 28 in seguito (“Stupidità! Follia sì!”)
  • Mostrare lo spazio dell’aula dove sono state appese le classificazioni degli animali nella Fase 1. Confrontare con ciò che è stato detto allora a proposito della rana e del bue.
  • Chiedere ai partecipanti cosa pensano di questa storia e come la capiscono. Nota: non andare oltre, né dare loro alcuna spiegazione. La morale resta da scoprire. Basta facilitare la discussione.

Attività 4: Parola di saggio

Attività di comprensione

Materiale

/

Modalità

Nel workshop:

  • Mostrare l’illustrazione della favola di Grandville (diapositiva 26). Lasciarli reagire e discutere liberamente. Poi chiedere se la rana li fa pensare a delle persone, e a chi. Chiedere poi perché.  Nota: Accettare tutte le risposte, la rana pretenziosa può ricordare a molti, persone e situazioni, è proprio questa la modernità della favola.  I partecipanti possono citare persone specifiche, ma anche status, professioni, posizioni onorarie, ecc. E daranno ragioni diverse.  
  • Chiedere loro quali animali sceglierebbero per rappresentare queste persone e farne una caricatura.
  • Iniziare a leggere fino alla fine dell’e-book per cercare altre “rane”, cioè altri personaggi invidiosi come lei. Ulteriori letture sono proposte dall’inizio senza l’audio per i livelli di lettura 1 e 2.  
  • Fare un confronto.
  • Proporre una rilettura di questa parte dell’e-book (accompagnata da uno o due ascolti per i livelli 1 e 2 di lettura) per scoprire chi sono questi personaggi e descriverli (aspetto fisico, vestiti, atteggiamento, attività).
  • Avviare una discussione di gruppo, e guidare il gruppo verso la formulazione di ciò che queste persone stanno cercando, verso il legame tra “grande” e “importante” e verso ciò che questi qualificatori implicano (il potere, il denaro, i beni, la “salute”, il sentimento di superiorità di classe…).
  • Infine, chiedere ai partecipanti se – secondo la favola – questo è ragionevole, per aiutarli a capire “vanità”, “stupidità”, “follia”; poi, cosa ne pensano.
  • Se quest’ultima parte è relativamente ben compresa, andare un po’ oltre e chiedere ai partecipanti se trovano le critiche molto dure.

Il punto qui è mostrare la differenza tra la posizione del moralizzatore che dice alla gente come agire giudicando, e quella del moralista che semplicemente getta luce morale su una situazione. La Fontaine non è un moralista, ma rende evidenti certe caratteristiche della natura umana.

Per andare oltre con la linguistica: 

Discutere con i partecipanti la descrizione e il ruolo dell’aggettivo qualificativo. A seconda della lingua e del livello, sarà interessante studiare il suo posto nella frase, l’accordo nel genere e/o nel numero o altri aspetti chiave.

Il tempo della favola (tempo presente) è un altro aspetto interessante su cui lavorare in termini di formazione e valori. Qui, serve a rendere l’aneddoto vivace, e quindi più piacevole, ma anche a dare un valore di verità generale alla morale.

FASE 3: LA FASE CREATIVA

Attività: Noi, illustratori

Attività di appropriazione dell’esperienza di lettura

Materiale
  • Le illustrazioni della favola di La Fontaine adatte nell’e-book
  • Illustrazioni di altre favole di La Fontaine
  • Fogli A3
  • Pennarelli, penne di colori diversi
  • Forbici
  • Colla
  • Scotch, pasta riposizionabile o puntine da disegno
  • Uno smartphone con la funzione registratore vocale (variante)
Modalità

Prima della sessione:

  • Trovare e stampare varie illustrazioni della favola di Jean de La Fontaine. Preparare tanti giochi quanti sono i sottogruppi (vedi sezione: Iconografia nell’e-book).
  • Trovare e stampare o preparare alcune illustrazioni di altre favole di La Fontaine degli stessi illustratori.

Nel workshop:

  • Scoprire una collezione di illustrazioni della favola “La rana e il bue”, prodotta nel corso dei secoli.
  • Suggerire ai sottogruppi di osservarli e confrontarli. Alcuni di essi potrebbero essere combinati, come le illustrazioni umoristiche. Sottolineare la particolarità dell’illustrazione di Grandville che contestualizza la favola.
  • Proporre in seguito illustrazioni di altre favole di La Fontaine per far riconoscere lo stile e gli illustratori.
  • Chiedere cosa prevede l’illustrazione e cosa permette. Per aiutarvi, ricordare la rappresentazione dell’importanza sociale.
  • Infine, chiedere ai partecipanti di creare la propria illustrazione della favola. Dire loro che possono illustrare la favola alla lettera, o lasciarsi la libertà di contestualizzarla per darle una svolta sociale o politica, nel rispetto di tutti. Se alcuni partecipanti lo trovano più interessante, incoraggiare l’adattamento culturale della favola scegliendo altri animali, un altro luogo e altre rappresentazioni di importanza sociale.

Queste illustrazioni possono essere esposte nell’istituzione che offre il workshop.

Variante

Quest’ultima attività può anche essere un’occasione per far rivivere la tradizione orale della favola e per offrire ai partecipanti un momento per ascoltare, assorbire e memorizzare la favola.

I partecipanti sono sfidati a imparare la favola e poi a recitarla con parole proprie, raccontando un aneddoto vivace ed edificante e offrendo poi una lezione sulla natura umana. Una volta pronti, vengono registrati.

Queste registrazioni potrebbero essere condivise, accompagnare un progetto sulla favola o su La Fontaine, servire come aiuto all’apprendimento per altri gruppi…

La stessa cosa può essere proposta nelle lingue madri dei partecipanti. La sfida è quindi: una traduzione della favola a diversi parlanti della stessa lingua, l’allenamento alla recitazione del testo tradotto e la memorizzazione, e la registrazione.